Tre esperienze e tre condizioni per l’edificio sacro