Società della conoscenza e precariato intellettuale: il caso italiano