La «commedia degli equivoci» di «uno dei più belli intelletti dei nostri tempi»: Benedetto Croce critico di Max Weber