Hennis, Bruhns e la "scienza dell'uomo" di Max Weber