La vasta documentazione manoscritta a nostra disposizione permette di entrare nello scrittoio del Pandoni e di documentare le modalità della sua scrittura poetica, le prassi di rielaborazione e di riuso di versi e di intere opere in funzione di nuovi contesti, come di nuovi destinatari. La relazione produce un'ampia rassegna delle modalità del riuso e dell'autocitazione nei versi del Pandoni, con particolare attenzione per le sillogi di Epigrammata documentate nei codici:Firenze, Biblioteca Centrale Nazionale, Conv. Soppr. J IX 10 (240); Berlin, Staatsbibliothek, ms. Lat. qu. 390; Urb. Lat. 708

L'officina di un poeta del Quattrocento. La tecnica del riuso nella produzione poetica di Porcelio de' Pandoni

IACONO, ANTONIETTA
2016

Abstract

La vasta documentazione manoscritta a nostra disposizione permette di entrare nello scrittoio del Pandoni e di documentare le modalità della sua scrittura poetica, le prassi di rielaborazione e di riuso di versi e di intere opere in funzione di nuovi contesti, come di nuovi destinatari. La relazione produce un'ampia rassegna delle modalità del riuso e dell'autocitazione nei versi del Pandoni, con particolare attenzione per le sillogi di Epigrammata documentate nei codici:Firenze, Biblioteca Centrale Nazionale, Conv. Soppr. J IX 10 (240); Berlin, Staatsbibliothek, ms. Lat. qu. 390; Urb. Lat. 708
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/633293
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact