Il caso del pretore Quinto Gallio: assassinio legalizzato, usurpazione senatoria o preludio della repressione straordinaria?