I Servi Venerii tra realtà e utopia