Sul tormentato rapporto tra diritto penale ed etica