La "rivoluzione" dei nuovi dati: quale metodo per il futuro, quale futuro per il metodo?