La relazione analizza la tecnica di tutela seguita dal legislatore (inconsapevolmente) per la redazione del catalogo dei reati-presupposto del d.lgs. n. 231/2001 da cui scaturisce la responsabilità 'penale' delle persone giuridiche, mettendone in evidenza i non pochi difetti. In particolare: la introduzione di disposizioni del tutto superflue e incapaci di generare alcuna responsabilità dell'ente; l'omessa previsione di reati tipicamente ascritti alla politica aziendale e alla c.d. criminalità d'impresa; il problematico coordinamento di molte delle novità introdotte con la disciplina pregressa di cui al d.lgs. n. 231/2001

Il catalogo dei reati-presupposto del d.lgs. n. 231/2001: un bilancio provvisorio

AMARELLI, GIUSEPPE
2016

Abstract

La relazione analizza la tecnica di tutela seguita dal legislatore (inconsapevolmente) per la redazione del catalogo dei reati-presupposto del d.lgs. n. 231/2001 da cui scaturisce la responsabilità 'penale' delle persone giuridiche, mettendone in evidenza i non pochi difetti. In particolare: la introduzione di disposizioni del tutto superflue e incapaci di generare alcuna responsabilità dell'ente; l'omessa previsione di reati tipicamente ascritti alla politica aziendale e alla c.d. criminalità d'impresa; il problematico coordinamento di molte delle novità introdotte con la disciplina pregressa di cui al d.lgs. n. 231/2001
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/630684
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact