Esperienza e causalità: Avenarius con e oltre Schopenhauer