Archivi aperti ed editoria accademica: le sinergie possibili