I “vitalizi impropri” tra tipicità e atipicità