Una specie d’introduzione: l’inclusione come ex-marginalizzazione