L’ELEGIA, LA POLITICA, IL VINO: A PROPOSITO DI OVIDIO E DI CORNELIO GALLO