Alcune considerazioni su viaggio e libertà politica a Napoli nel primo Ottocento