Dieci anni come un secolo: un'ipotesi di lettura critica