La città post-unitaria e la scultura celebrativa