Dalla “Secessione” al “ritorno all’ordine”. La situazione della scultura