Nel V sec. A. C. Proco, nei suoi “Commentari su Euclide” cita un passo della “Storia della Geometria di Eudemo da Rodi” in cui si individua in Pitagora lo scopritore dei numeri irrazionali e delle figure cosmiche. Palatone descrive per primo i poliedri regolari probabilmente rifacendosi parzialmente alla teoria di Empedocle. In matematica, e in particolare in geometria solida un poliedro è un solido delimitato da un numero finito di facce piane poligonali. Come primi poliedri da prendere in considerazione, per la loro semplicità, vi sono i cubi, i parallelepipedi, le piramidi e i prismi. Fra i poliedri più complessi occupano un ruolo centrale i cinque solidi platonici detti anche regolari, 5 poliedri semplici regolari sulle facce, sugli spigoli e sui vertici: il tetraedro il cubo, l’ottagono, il dodecaedro, l’icosaedro. I solidi platonici giocano un ruolo centrale nella geometria solida: sono i solidi che presentano la maggiore regolarità possibile e il maggior numero di simmetrie. I loro gruppi di simmetrie hanno collegamenti con le sezioni più disparate della matematica.

Spazio luce e spazio flessibile attraverso l'evoluzione dai poliedri agli autotendenti. Modelli e fotografie di F. Abbate e Y. Tugbang.

BUONDONNO, EMMA
2015

Abstract

Nel V sec. A. C. Proco, nei suoi “Commentari su Euclide” cita un passo della “Storia della Geometria di Eudemo da Rodi” in cui si individua in Pitagora lo scopritore dei numeri irrazionali e delle figure cosmiche. Palatone descrive per primo i poliedri regolari probabilmente rifacendosi parzialmente alla teoria di Empedocle. In matematica, e in particolare in geometria solida un poliedro è un solido delimitato da un numero finito di facce piane poligonali. Come primi poliedri da prendere in considerazione, per la loro semplicità, vi sono i cubi, i parallelepipedi, le piramidi e i prismi. Fra i poliedri più complessi occupano un ruolo centrale i cinque solidi platonici detti anche regolari, 5 poliedri semplici regolari sulle facce, sugli spigoli e sui vertici: il tetraedro il cubo, l’ottagono, il dodecaedro, l’icosaedro. I solidi platonici giocano un ruolo centrale nella geometria solida: sono i solidi che presentano la maggiore regolarità possibile e il maggior numero di simmetrie. I loro gruppi di simmetrie hanno collegamenti con le sezioni più disparate della matematica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/607029
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact