L’operatività delle mafie si è trasformata radicalmente, affiancando alle tipiche azioni malavitose “militari” nuove forme di comportamenti criminali, pervasivi e altrettanto pericolosi, che si basano sulla potenza del denaro, sulla capacità di intessere relazioni con ampi settori deviati della politica, dell’imprenditoria, delle professioni, delle Istituzioni, alimentando un circuito vizioso e nefasto di collusioni e corruzioni affaristiche mascherate da apparenze fintamente e artatamente legali. Tali cambiamenti rendono essenziali gli apporti di competenze specialistiche economico-aziendali a sostegno delle azioni promosse dalla Magistratura per comprendere la complessità tecnica dei fenomeni mafiosi moderni e disvelare le appartenenze insospettabili che alimentano e rafforzano le fondamenta economiche delle organizzazioni criminali. In particolare, appare evidente la carenza di conoscenze manageriali fondamentali nei processi di analisi “ex ante” della valenza strutturale, strategica e commerciale delle attività imprenditoriali riconducibili alle organizzazioni mafiose da sottoporre eventualmente ai regimi cosiddetti di prevenzione. La valenza culturale e tecnica di queste tematiche richiedeva uno sforzo di ricerca finalizzato ad una prima sistematizzazione delle esperienze e conoscenze prodotte in anni di vita professionale spesa nell’azione di contrasto alle attività imprenditoriali malavitose, essenziali per realizzare una altrettanto efficace politica di testimonianza culturale e valoriale arricchita da contributi specialistici di matrice accademica. Ciò al fine di alimentare la crescita delle conoscenze tecniche “di frontiera” maggiormente utili a comprendere la vera essenza dei fenomeni criminali.

La metamorfosi aziendale delle attività malavitose

VONA, ROBERTO
2014

Abstract

L’operatività delle mafie si è trasformata radicalmente, affiancando alle tipiche azioni malavitose “militari” nuove forme di comportamenti criminali, pervasivi e altrettanto pericolosi, che si basano sulla potenza del denaro, sulla capacità di intessere relazioni con ampi settori deviati della politica, dell’imprenditoria, delle professioni, delle Istituzioni, alimentando un circuito vizioso e nefasto di collusioni e corruzioni affaristiche mascherate da apparenze fintamente e artatamente legali. Tali cambiamenti rendono essenziali gli apporti di competenze specialistiche economico-aziendali a sostegno delle azioni promosse dalla Magistratura per comprendere la complessità tecnica dei fenomeni mafiosi moderni e disvelare le appartenenze insospettabili che alimentano e rafforzano le fondamenta economiche delle organizzazioni criminali. In particolare, appare evidente la carenza di conoscenze manageriali fondamentali nei processi di analisi “ex ante” della valenza strutturale, strategica e commerciale delle attività imprenditoriali riconducibili alle organizzazioni mafiose da sottoporre eventualmente ai regimi cosiddetti di prevenzione. La valenza culturale e tecnica di queste tematiche richiedeva uno sforzo di ricerca finalizzato ad una prima sistematizzazione delle esperienze e conoscenze prodotte in anni di vita professionale spesa nell’azione di contrasto alle attività imprenditoriali malavitose, essenziali per realizzare una altrettanto efficace politica di testimonianza culturale e valoriale arricchita da contributi specialistici di matrice accademica. Ciò al fine di alimentare la crescita delle conoscenze tecniche “di frontiera” maggiormente utili a comprendere la vera essenza dei fenomeni criminali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/599667
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact