In questo contributo viene analizzato il complesso riarticolarsi del concetto della variabilità, suddiviso da Coseriu nel noto schema tripartito (v. diatopica, diastratica, diafasica) arricchito nel 1983 da Mioni col fortunato concetto della variabilità diamesica. In particolare si mostra come alcuni aspetti teorici della variabilità diamesica, erroneamente ascritta alla diafasia in Beccaria (1994, s.v.: cfr. Bombi & Orioles 2003: 63), riposino nel concetto di entorno che Coseriu (1977: 121-131) riprende esplicitamente da Bühler (1934: 206-219) e, in special modo, nel riferimento bühleriano e poi coseriano all'Umfeld sinfisico. La recente apertura verso il sottoasse diatecnico della variabilità diamesica, inteso come quell'aspetto della variazione dipendente dai differenti materiali tecnologici utilizzati come supporto della comunicazione linguistica (cfr. Antonelli 2007: 12), trova pertanto un utile sostegno teorico nella stretta interrelazione tra variabilità ed entorno, a cui fa da cornice la nozione bühleriana di Umfeld. Di questo costrutto, opportunamente ripreso e rielaborato da Coseriu, vengono individuate le tappe più significative nel panorama della linguistica italiana contemporanea.

L'Umfeld sinfisico tra variabilità ed intorno: da Bühler a Coseriu. Riflessione teorica e ricadute empiriche nella linguistica italiana

DOVETTO, FRANCESCA MARIA
2014

Abstract

In questo contributo viene analizzato il complesso riarticolarsi del concetto della variabilità, suddiviso da Coseriu nel noto schema tripartito (v. diatopica, diastratica, diafasica) arricchito nel 1983 da Mioni col fortunato concetto della variabilità diamesica. In particolare si mostra come alcuni aspetti teorici della variabilità diamesica, erroneamente ascritta alla diafasia in Beccaria (1994, s.v.: cfr. Bombi & Orioles 2003: 63), riposino nel concetto di entorno che Coseriu (1977: 121-131) riprende esplicitamente da Bühler (1934: 206-219) e, in special modo, nel riferimento bühleriano e poi coseriano all'Umfeld sinfisico. La recente apertura verso il sottoasse diatecnico della variabilità diamesica, inteso come quell'aspetto della variazione dipendente dai differenti materiali tecnologici utilizzati come supporto della comunicazione linguistica (cfr. Antonelli 2007: 12), trova pertanto un utile sostegno teorico nella stretta interrelazione tra variabilità ed entorno, a cui fa da cornice la nozione bühleriana di Umfeld. Di questo costrutto, opportunamente ripreso e rielaborato da Coseriu, vengono individuate le tappe più significative nel panorama della linguistica italiana contemporanea.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/598708
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact