Ermeneutica della schiavitù e poesia: l'esempio di Orazio