Simulazione della radiazione accelerometrica: il caso della sequenza sismica umbro-marchigiana