Cuma, Paestum e Velia nella tarda antichità: segni di trasformazione tra continuità e discontinuità