Raffaello, Castiglione e il concetto di imitazione