Il pensare e la rovina: tra memoria e documento del passato