Il "vecchio" Baudelaire e i giovani scrittori