Il giurista e la "società digitale"