I papiri ercolanesi come fonti di autori antichi