Una Repubblica di cacicchi?