«La guerra tra ‘l celeste e ‘l vulgare amore». Il poema pittorico di Annibale Carracci e l’ecfrasi di Bellori (1657, 1672)