Il ceto dirigente municipale napoletano e la camorra nella letteratura del secondo Ottocento. Vittorio Imbriani, Pasquale Villari e Salvatore Di Giacomo