Il contributo consiste in una rilettura del lavoro di Osgood, Suci e Tannenbaum sul differenziale semantico, alla luce del più recente dibattito nell'ambito della psicologia cognitiva e di un recupero in senso propraimento sociologico della nozione di "atteggiamento", secondo l'accezione che ad essa era stata data, alle origini, da Thomas e Znaniecki

Il differenziale semantico: misura della dimensione affettiva dei concetti o misura della dimensione cognitiva degli atteggiamenti?

AGODI, MARIA CARMELA;
1989

Abstract

Il contributo consiste in una rilettura del lavoro di Osgood, Suci e Tannenbaum sul differenziale semantico, alla luce del più recente dibattito nell'ambito della psicologia cognitiva e di un recupero in senso propraimento sociologico della nozione di "atteggiamento", secondo l'accezione che ad essa era stata data, alle origini, da Thomas e Znaniecki
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/492153
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact