Note sull"osservare" dei naturalisti