'Specchio della natura' o 'larger than life'? Verosimiglianza, catarsi e straniamento in Shakespeare