L’Artico: laboratorio per un nuovo regime giuridico internazionale?