“Sentire, pensare, e scrivere fortemente”: le passioni “gloriosamente infelici” di Jacopo Ortis