Il “Galileo” di Francesco Colangelo: la scienza come apologia