La vischiosità dei tassi di interesse bancari: una (nuova) verifica empirica