1. Analisi statica, attraverso i metodi dell’analisi limite, di meccanismi locali di danno, nel piano e fuori dal piano. Approfondimento di una procedura semplificata, proposta nel precedente progetto triennale ReLUIS, volta ad individuare delimitazioni affidabili delle effettive resistenze sismiche, tenendo conto delle resistenze attritive coinvolte. Applicazione della procedura ad un certo numero di meccanismi ricorrenti negli scenari post-sismici 2. Analisi dinamica non lineare del blocco rigido sotto sisma, inteso come riferimento fondamentale per i meccanismi locali di collasso. Definizione di una nuova strategia di analisi basata sulla individuazione dell’accelerogramma artificiale che ne massimizza la risposta dinamica e sulla sua successiva correzione al fine di adeguarlo alle caratteristiche degli accelerogrammi reali. L’accelerogramma artificiale limite è caratterizzato da una particolare sequenza di impulsi istantanei e la progressiva correzione della risposta in risonanza è introdotta attraverso alcuni criteri basati sull’osservazione degli accelerogrammi reali. Si prevedono sperimentazioni numeriche e analisi parametriche per individuare il ruolo dei parametri più significativi (coefficiente di restituzione, snellezza e dimensioni del blocco). La verifica agli stati limite condotta con questa procedura sarà confrontata con l’analisi cinematica non lineare indicata dalle vigenti norme tecniche italiane NTC08.

Analisi e verifica di costruzioni in muratura. Comportamento dinamico

CASAPULLA, CLAUDIA
2010

Abstract

1. Analisi statica, attraverso i metodi dell’analisi limite, di meccanismi locali di danno, nel piano e fuori dal piano. Approfondimento di una procedura semplificata, proposta nel precedente progetto triennale ReLUIS, volta ad individuare delimitazioni affidabili delle effettive resistenze sismiche, tenendo conto delle resistenze attritive coinvolte. Applicazione della procedura ad un certo numero di meccanismi ricorrenti negli scenari post-sismici 2. Analisi dinamica non lineare del blocco rigido sotto sisma, inteso come riferimento fondamentale per i meccanismi locali di collasso. Definizione di una nuova strategia di analisi basata sulla individuazione dell’accelerogramma artificiale che ne massimizza la risposta dinamica e sulla sua successiva correzione al fine di adeguarlo alle caratteristiche degli accelerogrammi reali. L’accelerogramma artificiale limite è caratterizzato da una particolare sequenza di impulsi istantanei e la progressiva correzione della risposta in risonanza è introdotta attraverso alcuni criteri basati sull’osservazione degli accelerogrammi reali. Si prevedono sperimentazioni numeriche e analisi parametriche per individuare il ruolo dei parametri più significativi (coefficiente di restituzione, snellezza e dimensioni del blocco). La verifica agli stati limite condotta con questa procedura sarà confrontata con l’analisi cinematica non lineare indicata dalle vigenti norme tecniche italiane NTC08.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/383488
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact