L'ordinamento retto da principi costituzionali: una dottrina 'tranquillizzante' del diritto?