Il viandante e il viaggiatore: due etiche di un unico percorso progettuale