La rilettura del progetto della fabbrica Olivetti di Pozzuoli (1951-69) realizzata da Luigi Cosenza secondo una idea di edificio che reagisce da solo alle condizioni climatiche e del luogo, può mostrare una strada ancora estremamente efficace per ragionare nei termini di un rapporto corretto tra architettura, paesaggioe territorio, e dimostra come l'architettura sostenibile sia semplicemente architettura pensata e costruita bene.

Sostenibilità ed etica del progetto nella modernità. L'olivetti di pozzuoli, una fabbrica verde per abitare il futuro

BRUNI, FRANCESCA
2010

Abstract

La rilettura del progetto della fabbrica Olivetti di Pozzuoli (1951-69) realizzata da Luigi Cosenza secondo una idea di edificio che reagisce da solo alle condizioni climatiche e del luogo, può mostrare una strada ancora estremamente efficace per ragionare nei termini di un rapporto corretto tra architettura, paesaggioe territorio, e dimostra come l'architettura sostenibile sia semplicemente architettura pensata e costruita bene.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/379407
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact