Dal "Candide" di Voltaire al "Candide" di Bernstein