Conclusioni. L’ombra lunga della Grande coalizione