Il ritorno di Francesco Saverio Nitti in Italia coincide con la riorganizzazione del regime democratico dopo la caduta del fascismo. Attraverso lo studio delle vicende politiche di questa fase storica, che si intreccia con il dibattito della Costituente, possiamo osservare la trama del conflitto tra le diverse opzioni ideologiche dell’antifascismo. L’angusto spazio riservato alla prospettiva liberale testimonia l’anacronismo dello sguardo nittiano nell’Italia del secondo dopoguerra, ma anche la debole consapevolezza verso le idee del mercato e dello sviluppo economico nell’ambito della rinata democrazia italiana.

Il liberalismo come questione nazionale: Nitti e il nittismo nel secondo dopoguerra

VARVARO, PAOLO
2010

Abstract

Il ritorno di Francesco Saverio Nitti in Italia coincide con la riorganizzazione del regime democratico dopo la caduta del fascismo. Attraverso lo studio delle vicende politiche di questa fase storica, che si intreccia con il dibattito della Costituente, possiamo osservare la trama del conflitto tra le diverse opzioni ideologiche dell’antifascismo. L’angusto spazio riservato alla prospettiva liberale testimonia l’anacronismo dello sguardo nittiano nell’Italia del secondo dopoguerra, ma anche la debole consapevolezza verso le idee del mercato e dello sviluppo economico nell’ambito della rinata democrazia italiana.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nitti e il nittismo nel secondo dopoguerra.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 4.18 MB
Formato Adobe PDF
4.18 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/373635
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact