I giovani e la trasmissione dei saperi