L'INIBIZIONE IN VIVO DELL'IPERTROFIA CARDIACA INDOTTA DAL SOVRACCARICO PRESSORIO IN ANIMALI GENETICAMENTE MODIFICATI IMPEDISCE LO SVILUPPO DELLO SCOMPENSO CARDIACO MALGRADO L'AUMENTATO STRESS DI PARETE.