A. Rotondi, Roberto Bracco e gli “-ismi” del suo tempo. Dal Wagnerismo all’Intimismo